Windows Server 2016: Configurazione del Cloud Witness in ambito Failover Cluster

Nell’articolo Windows Server 2016: What’s New in Failover Clustering sono state approfondite tutte le principali novità introdotte con Windows Server 2016 in ambito failover clustering. In questo articolo entreremo del dettaglio della configurazione del witness del cluster nel cloud Microsoft Azure, analizzando i possibili scenari supportati e i benefici di questa nuova funzionalità.

 

Possibili scenari supportati dal Cloud Witness

Tra gli scenari supportati che si prestano maggiormente per questo tipo di configurazione troviamo:

  • Multi-site stretched cluster.
  • Failover Cluster che non necessitano di storage condiviso (SQL Always On, Exchange DAGs, etc).
  • Failover Cluster composti da nodi ospitati su Microsoft Azure, altri cloud pubblici oppure in private cloud.
  • Cluster di tipologia Scale-out File Server.
  • Cluster realizzati in realtà small branch-office.

 

Configurazione del Cloud Witness

Iniziamo con il specificare che un requisito necessario per poter configurare il cluster per l’utilizzo del Cloud Witness è che tutti i nodi che compongono il cluster abbiano un accesso internet verso Azure. Il Cloud Witness infatti utilizza il protocollo HTTPS (porta 443) per stabilire una connessione con il servizio blob dell’Azure Storage Account.

 

La configurazione del Cloud Witness richiede la presenza di una subscription Azure all’interno della quale configurare uno Storage Account che sarà utilizzato come Cloud Witness e sul quale saranno scritti i blob file utilizzati per l’arbitration del cluster.

 

Dal portale Azure è necessario creare uno storage account di tipologia Genaral Purpose. Per questo scopo è corretto crearlo con un livello di performance standard in quanto non sono necessarie elevate prestazioni che vengono fornite con l’utilizzo di dischi SSD. Dopo aver selezionato la policy di replica e la location più opportuna si può procedere con il processo di creazione.

 

Figura 1 – Creazione dello Storage Account

 

Dopo aver creato lo storage account è necessario recuperare la relativa chiave di accesso necessaria per l’autenticazione, che verrà richiesta negli step successivi di configurazione.

 

Figura 2 – Chiavi di accesso dello Storage Account

 

Giunti a questo punto è possibile modificare le impostazioni del Quorum del cluster da Failover Cluster Manager seguendo i passaggi sotto riportati:

 

Figura 3 – Configurazione delle impostazioni Quorum da Failover Cluster Manager

 

Figura 4 – Selezione del Quorum Witness

 

Figura 5 – Selezione del Cloud Witness

 

Figura 6 – Nome e chiave di accesso dello Storage Account

 

Al termine della configurazione sarà presente tra le varie risorse del cluster anche il Cloud Witness:

 

Figura 7 – Risorsa Cloud Witness

 

Sullo Storage Account di Azure viene creato un container denominato msft-cloud-witness, all’interno del quale sarà presente un unico blob file che ha come nome l’ID univo del cluster. Questo comporta che è possibile utilizzare lo stesso Microsoft Azure Storage Account per configurare il Cloud Witness su cluster differenti, dove sarà presente un blob file per ogni cluster.

 

Figura 8 – Container presente all’interno dello Storage Account e relativo contenuto

 

Vantaggi nell’utilizzo del Cloud Witness

L’utilizzo del Cloud Witness consente di ottenere i seguenti vantaggi:

  • Viene eliminata la necessità di disporre di un ulteriore data center separato per determinate configurazioni cluster utilizzando invece Microsoft Azure.
  • Viene annullato l’effort amministrativo necessario per mantenere una macchina virtuale aggiuntiva con il ruolo di witness del cluster.
  • Considerata la quantità ridotta di dati scritti sullo Storage Account il costo del servizio è irrisorio.
  • Lo stesso Microsoft Azure Storage Account può essere utilizzato come witness per cluster differenti.

 

Conclusioni

Anche in ambito failover cluster Windows Server 2016 si dimostra pronto per l’integrazione con il cloud. Grazie all’introduzione del cloud Witness è possibile realizzare più facilmente sistemi cluster riducendo sensibilmente i costi complessivi per l’implementazione, l’effort di gestione e aumentando la flessibilità dell’architettura cluster.